Fermo amministrativo

Il fermo amministrativo (art. 86 del D.P.R. n. 602/1973) è una misura cautelare con il quale si dispone il fermo amministrativo dei beni mobili (per esempio, un’automobile) del debitore o dei coobbligati con l’iscrizione dello stesso presso il competente Pubblico registro automobilistico.

Prima dell’iscrizione dello stesso il debitore riceve la comunicazione di preavviso di fermo amministrativo. Con questo avviso l’interessato è invitato a mettersi in regola entro 30 GIORNI DALLA NOTIFICA DEL PREAVVISO e viene informato che, in caso di mancato pagamento, si procederà anche senza ulteriore comunicazione all’iscrizione del fermo sul veicolo corrispondente alla targa indicata. Il veicolo può essere anche più di uno.

Il preavviso di fermo amministrativo può essere annullato ed il fermo non viene iscritto se il debitore dimostra, entro i suddetti 30 giorni, che il veicolo è strumentale all’attività di impresa o della professione da lui esercitata.

Qualora il debitore sia esercente di una professione o abbia un’attività imprenditoriale e riesca a dimostrare che l’utilizzo del veicolo in questione è inerente e funzionale all’esercizio della sua attività/professione e al conseguimento dei relativi ricavi (p.e. copia del libretto/carta di circolazione; copia della licenza, concessione amministrativa, patente o altra documentazione idonea a chiarire la professione/attività svolta; certificato di attribuzione di partita IVA - per le persone fisiche - da cui risulta l’attività svolta; copia di stralcio del registro dei beni ammortizzabili o registro degli acquisti ove sia riscontrabile la presenza del bene ammortizzabile o già interamente ammortizzato) può richiedere l’annullamento del preavviso di fermo amministrativo

(scarica il modulo: istanza di annullamento del preavviso di fermo amministrativo del veicolo strumentale).

Per i casi in cui il veicolo è destinato all’utilizzo da parte di una persona disabile o al trasporto della stessa è possibile richiedere l’annullamento del preavviso di fermo amministrativo, nonché la cancellazione di un eventuale fermo iscritto mediante presentazione della seguente istanza: istanza di annullamento del preavviso di fermo amministrativo / cancellazione iscrizione fermo amministrativo sui veicoli ad uso di persone diversamente abili

All’istanza dovrà essere allegata la documentazione idonea a dimostrare l’uso da parte di persone diversamente abili come ad esempio il libretto/la carta di circolazione da cui risulti che il veicolo è dotato di dispositivi prescritti per la conduzione da parte di persona diversamente abile, e/o la fattura di acquisto dalla quale risulti che il bene è stato acquistato fruendo delle agevolazioni fiscali previste dalla Legge n. 104/1992, e/o il fronte del contrassegno auto “Parcheggio per disabili” rilasciato dal Comune prima della data di notifica del preavviso o della trascrizione del fermo e in corso di validità.

In caso di mancato pagamento

Trascorsi 30 giorni dalla notifica del preavviso di fermo amministrativo, senza che il debitore abbia dato seguito al pagamento delle somme dovute, oppure senza che ne abbia richiesto la rateazione, ovvero in mancanza di provvedimenti di sgravio o sospensione, si procede con l’iscrizione del fermo amministrativo al Pubblico registro automobilistico (PRA).

Conseguenze del fermo amministrativo

A seguito del fermo amministrativo:

  • il veicolo sottoposto al fermo non potrà circolare;
  • chiunque circoli con tale veicolo sarà soggetto alla sanzione amministrativa di pagamento stabilita dall’art. 214, comma 8, del decreto legislativo n. 285/1992;
  • la Compagnia di Assicurazione in caso di sinistro accaduto in violazione del provvedimento di Fermo, a norma delle condizioni contrattuali può far valere il diritto di rivalsa sull’Assicurato.

In caso di iscrizione del fermo amministrativo e successiva rateizzazione degli atti di ingiunzione di pagamento per i quali il fermo è stato iscritto, al pagamento totale della prima rata del piano di rateizzazione, il debitore può richiedere ad Alto Adige Riscossioni Spa la sospensione del provvedimento di fermo, al fine di poter circolare con il veicolo interessato.

A tal fine è necessario presentare apposita istanza alla società ed allegare la quietanza dell’avvenuto pagamento della rata in questione (scarica il modulo istanza di sospensione del fermo a seguito del pagamento della prima rata del piano di rateizzazione). Verificato il pagamento della prima rata Alto Adige Riscossioni Spa provvederà quindi ad annotare la sospensione al Pubblico Registro Automobilistico e trasmetterà all’interessato il provvedimento di sospensione concesso. La sospensione verrà rimossa e non sarà più possibile circolare con il veicolo interessato in caso di mancato rispetto delle scadenze del piano rateale e conseguente decadenza del provvedimento di rateazione.

Come ottenere la revoca definitiva del fermo

La cancellazione del fermo può essere effettuata solo dopo aver saldato integralmente il debito. Alto Adige Riscossioni Spa, verificato il pagamento complessivo del debito provvederà ad annotare il provvedimento di cancellazione del fermo amministrativo in modalità telematica nel Pubblico Registro Automobilistico. L’interessato riceverà in seguito da parte di Alto Adige Riscossioni conferma della revoca avvenuta.

Modalità di trasmissione delle istanze alla Società

IMPRESE e PROFESSIONISTI possono presentare la documentazione (p.e. istanza di annullamento del preavviso di fermo amministrativo, istanza di sospensione ecc.) esclusivamente a mezzo PEC all’indirizzo se.aar.bz@legalmail.it.

Mentre le PERSONE FISICHE ed altri soggetti (ENTI, FONDAZIONI, ASSOCIAZIONI, CONDOMINI ecc.) possono presentare la documentazione in diversi modi:

Società

Alto Adige Riscossioni Spa
C.F./P. IVA 02805390214, n. REA 207128
Capitale sociale Euro 600.000,00 i.v.
Società per azioni soggetta all’attività di direzione e coordinamento della Provincia Autonoma di Bolzano

Contatti

Via J. Mayr Nusser 62/D
39100 - Bolzano
tel. +39 0471 316400
fax +39 0471 316491 oppure 316492
e-mail: info@altoadigeriscossioni.it